Benvenuto nel sito della

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti

sei in: Home   freccia path   Prestazioni   freccia path   Pensione di invalidità   freccia path   Calcolo pensione (art.25 Statuto Inarcassa)

Pensione di invalidità

Calcolo pensione (art.25 Statuto Inarcassa)

( art.25 Statuto Inarcassa )

IL MECCANISMO DI CALCOLO

A partire dall’anno 2010 l’importo della pensione Inarcassa è composto dalle seguenti quote:
 

  1. Quota retributiva, per le annualità con redditi professionali dichiarati ai fini IRPEF maggiori o uguali per l'anno 2012 ad euro 6.300,00 e/o volumi d'affari dichiarati ai fini IVA maggiori o uguali ad euro 10.550,00;
  2. Quota contributiva, per le annualità che presentano contemporaneamente redditi professionali dichiarati ai fini IRPEF inferiori per l'anno 2012 ad euro 6.300,00 e volumi d'affari dichiarati ai fini IVA inferiori ad euro 10.550,00.


Resta applicabile in via esclusiva il sistema di calcolo retributivo di cui alla lettera a) per:
 

  • le annualità anteriori al 2009;
  • gli anni per i quali il professionista usufruisce della contribuzione agevolata prevista dall'art. 22.4 dello Statuto;
  • i periodi oggetto di riscatto;
  • i periodi oggetto di ricongiunzione;
  • le pensioni di invalidità, inabilità e indirette ai superstiti.


CALCOLO DELLA QUOTA DI PENSIONE RETRIBUTIVA

Nel calcolo entrano in gioco i seguenti tre elementi:

  1. l’anzianità contributiva maturata (espressa in anni e giorni) per gli anni in quota retributiva;
  2. la media dei redditi professionali;
  3. le aliquote di rendimento per scaglioni di reddito ( vedi Art. 25 comma 5 ).


REDDITI UTILI PER IL CALCOLO

La media reddituale è determinata sulla base dei migliori 20 redditi professionali dichiarati dall’iscritto nei 25 anni anteriori alla maturazione del diritto. A partire dal 2011 il numero degli anni a riferimento per il calcolo della media è innalzato di un anno ogni anno, fino a raggiungere i migliori 25 degli ultimi 30 redditi.

 

 

Ai fini del calcolo della pensione, per ciascuna annualità i redditi vengono presi in considerazione nella misura massima del tetto pensionabile riportato nella seguente tabella:

 

Anno Tetto massimo pensionabile in euro
1982 20.658,28
1983 24.531,70
1984 28.508,42
1985 32.795,01
1986 36.255,27
1987 39.354,02
1988 41.729,72
1989 43.640,61
1990 45.809,73
1991 48.598,59
1992 51.697,34
1993 54.486,20
1994 56.758,61
1995 58.979,38
1996 62.181,41
1997 64.608,76
1998 65.693,32
1999 66.881,17
2000 67.965,73
2001 69.721,68
2002 71.600,00
2003 73.300,00
2004 75.150,00
2005 76.650,00
2006 77.950,00
2007 79.500,00
2008 80.850,00
2009 83.450,00
2010 84.050,00
2011 85.400,00
2012 87.700,00


RIVALUTAZIONE DEI REDDITI

I redditi così individuati sono rivalutati in base agli indici istat


CALCOLO DELLA QUOTA DI PENSIONE CONTRIBUTIVA

La quota di pensione contributiva è determinata secondo le modalità previste dall’art. 40 dello Statuto. Nel calcolo entrano in gioco i seguentii due elementi:

  1. il montante dei contributi soggettivi versati, entro il tetto pensionabile, per gli anni in quota contributiva;
  2. il coefficiente di trasformazione legato alla età alla data di maturazione del diritto a pensione.


NOTA BENE

La quota di assistenza del contributo soggettivo (pari allo 0,5%), introdotta dall’anno 2010, è improduttiva ai fini previdenziali e viene scomputata dal contributo utile al calcolo per le prestazioni che vengono erogate con il sistema contributivo:

  • quota b) del trattamento di vecchiaia e di anzianità;
  • prestazione previdenziale contributiva di cui all’art. 40 dello Statuto;
  • prestazioni supplementari reversibili, di cui all’art. 25, comma 6.


FORMULA DI CALCOLO DELL'IMPORTO DI PENSIONE

La pensione annua lorda (P) è la seguente:

P = A + B dove A = quota di pensione retributiva
B = quota di pensione contributiva (dal 2009)
A = Ar * Mr * Cr dove Ar = anzianità contributiva degli anni in quota retributiva (espressa in anni e giorni)
Mr = media dei redditi scelti rivalutati
Cr = Coefficienti di rendimento corrispondenti agli scaglioni di reddito
B = M * Ct dove M = montante dei contributi soggettivi versati entro il tetto pensionabile per gli anni in quota contributiva
Ct = Coefficienti di trasformazione in base all’età di maturazione del diritto

 

L'importo della pensione è soggetto a rivalutazione annuale secondo la variazione dell'indice ISTAT a partire dal 1° gennaio di ogni anno successivo a quello di decorrenza della pensione.

PARTICOLARITA' PER LE PENSIONI DI ANZIANITA'

La pensione di anzianità è determinata con i criteri previsti per il calcolo della pensione di vecchiaia. Al valore così ottenuto si applica il coefficiente di riduzione corrispondente all’età dell'avente diritto alla data di decorrenza del trattamento, secondo il seguente schema:

Età di pensionamento Coefficiente riduzione
58 17,3%
59 15,3%
60 13,1%
61 10,8%
62 8,4%
63 5,8%
64 3,0%



 

PARTICOLARITA' PER LE PENSIONI DI INVALIDITA' E INABILITA'

La misura della pensione di invalidità è pari al 70% della pensione di inabilità.

L'anzianità utile per il calcolo delle pensioni di invalidità ed inabilità è aumentata di 10 anni (fino a un massimo di 35), salvo il caso in cui l'iscritto disponga di altri redditi imponibili o esenti da imposte in misura complessivamente superiore a € 26.950,00 per l'anno 2013. A tal fine si tiene conto della media del triennio antecedente la domanda di pensione. L'aumento degli anni di anzianità non è riconosciuto ai titolari di pensione di altro ente.

PENSIONE MINIMA

Per l'anno 2013 la pensione minima ammonta a € 10.736,00 annui.

La pensione minima è ridotta di tanti trentesimi quanti sono gli anni di anzianità che confluiscono in quota contributiva.



Inarcassa ON line offre, fra i servizi telematici studiati per gli associati, anche la simulazione del calcolo della pensione.

Il servizio è disponibile a tutti gli utenti registrati di Inarcassa ON line iscritti alla Cassa, e cioè a tutti i professionisti che stiano maturando anzianità contributiva presso l'Associazione (esclusi quindi non iscritti e pensionati).

L'applicazione è studiata in modo da dare un'idea dell'importo annuo lordo di pensione che si andrà a percepire quando si avrà maturato il diritto, in base a dati che il professionista stesso potrà presumere o stimare, come la data di pensionamento e i redditi professionali per gli anni futuri.
Si potrà eseguire il calcolo, apportando modifiche ai dati, tutte le volte che lo si desidera!