Benvenuto nel sito della

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti

Società di Ingegneria

Obblighi delle Società di Ingegneria

 

L'art. 5.2 del Regolamento Generale Previdenza 2012 sancisce l’obbligo per la società di ingegneria di applicare, a titolo di contributo integrativo, una maggiorazione sul volume di affari ai fini IVA fatturato per le attività professionali

La maggiorazione percentuale è a carico del committente e deve essere applicata indipendentemente dalla sua natura giuridica, pubblica o privata. L’ammontare, per la quota relativa alle prestazioni professionali di ingegneria e/o di architettura, deve essere versato ad Inarcassa dalle società di ingegneria indipendentemente dall'effettivo pagamento del committente.

L’obbligo di maggiorazione decorre per le fatture successive al 18 dicembre 1998.

Per le società di ingegneria costituite sotto forma di società cooperativa a compagine mista, la maggiorazione del contributo integrativo decorre sulle fatture emesse a partire dal 12/05/05 (data di entrata in vigore della legge n. 62/2005).


TERMINI E MODALITA' DI PRESENTAZIONE E DI PAGAMENTO

La comunicazione deve essere effettuata obbligatoriamente in via telematica tramite Inarcassa On line entro il 31 ottobre dell’anno successivo a quello di riferimento.

Le società di Ingegneria sono tenute a presentare ad Inarcassa la comunicazione annuale relativa al volume d’affari annuo complessivo dichiarato ai fini dell’IVA, con le stesse modalità e termini di cui agli articoli 2 e 3 del Regolamento Generale Previdenza 2012.

La comunicazione deve essere presentata anche nel caso in cui nell’anno di riferimento il Volume d’Affari imponibile sia nullo.

Per usufruire del servizio telematico per la trasmissione della dichiarazione le società  devono essere registrate presso Inarcassa ( mod. F/92 ) e devono avere richiesto i codici di accesso a Inarcassa ON line . La suddetta richiesta di accesso a Inarcassa ON line va inoltrata dal rappresentante legale della società, tramite l'apposito modello di registrazione on line .

La società è tenuta a versare il contributo integrativo indipendentemente dall’effettivo pagamento ottenuto da parte del committente finale.

Il versamento deve essere effettuato in unica soluzione,entro il 31 agosto, tramite il Bolletino M.AV. generato  su Inarcassa On line, al termine della procedura di invio telematico della dichiarazione oppure, prima dell'invio della comunicazione annuale, tramite l'apposita funzione di menù.

 

Attenzione! Il termine della dichiarazione è fissato al 31 ottobre ma il versamento del contributo integrativo va effettuato entro il 31 agosto.

 
TRASFORMAZIONE FORMA GIURIDICA

  • Per le società che nel corso dell’anno hanno modificato la forma giuridica trasformandosi da società di ingegneria (srl, spa, sapa) in società di professionisti (snc, sas, ss), il Volume di Affari da comunicare ad Inarcassa, con il modello dedicato alle Società di Ingegneria, è quello riferito ai corrispettivi fatturati nel periodo precedente tale trasformazione. Per la dichiarazione relativa al periodo successivo, la società dovrà utilizzare la modulistica relativa alle società di professionisti reperibile sul sito nella sezione modulistica delle Società.
  • Per le società di professionisti (s.n.c, sas, ss, ) che nel corso dell’anno hanno modificato la forma giuridica trasformandosi in società di ingegneria (srl, spa, sapa), il Volume di Affari da comunicare ad Inarcassa con il modello dedicato alle Società di Ingegneria, è quello riferito ai corrispettivi fatturati nel periodo successivo a tale trasformazione. Per la dichiarazione del Volume di Affari relativa al periodo precedente, la società dovrà utilizzare la modulistica relativa alle società di professionisti reperibile sul sito nella sezione modulistica delle Società.

 

Eventuali modifiche della struttura societaria dovranno essere comunicate ad Inarcassa.


CONTROLLO COMUNICAZIONI

Inarcassa ha facoltà di esigere dalle società la documentazione idonea a comprovare la correttezza delle comunicazioni inviate, fermo restando i controlli diretti o incrociati esperibili presso i competenti organismi.