Benvenuto nel sito della

Cassa Nazionale di Previdenza ed Assistenza per gli Ingegneri ed Architetti Liberi Professionisti

sei in: Home   freccia path   Contributi   freccia path   Chi versa e quando

Chi versa e quando

CHI HA L’OBBLIGO DI PAGARE I CONTRIBUTI SOGGETTIVO ED INTEGRATIVO

  • I professionisti che nell’anno di riferimento della comunicazione dei redditi sono stati iscritti a Inarcassa, anche se per breve periodo.
  • I professionisti cancellati o di cui sia in corso la cancellazione che per l'anno di riferimento della comunicazione dei redditi sono stati iscritti a Inarcassa, anche se per breve periodo.
  • I professionisti pensionati di Inarcassa iscritti anche se per breve periodo.


CHI HA L’OBBLIGO DI PAGARE IL SOLO CONTRIBUTO INTEGRATIVO

I professionisti non iscritti alla Cassa devono corrispondere soltanto il contributo integrativo pari al 4% del volume di affari professionale individuale e/o realizzato in forma associata o quali soci di società di professionisti.

Il versamento deve essere effettuato in unica soluzione entro il 31 agosto di ogni anno tramite il bollettino M.AV. elettronico, che il professionista deve generare tramite l'apposita funzione su Inarcassa On line .


QUANDO

I contributi minimi soggettivo e integrativo ed il contributo di maternità devono essere versati nell’anno di riferimento, in due rate di pari importo - 30 giugno e 30 settembre - oppure in sei rate bimestrali di pari importo.

Gli iscritti e pensionati Inarcassa che desiderano rateizzare gli importi in sei rate, senza applicazione di interessi dilatori, per il 2017 devono inoltrare richiesta entro il 31 gennaio esclusivamente in via telematica, tramite l’apposita funzione disponibile alla voce "agevolazioni" del menu laterale di Inarcassa On line. La scadenza della prima rata è stabilita al 28 febbraio e l’ultima al 31 dicembre dell’anno di riferimento.

Il conguaglio del contributo soggettivo ed integrativo ed il contributo facoltativo sono determinati, l'anno successivo a quello di riferimento, con la presentazione della comunicazione telematica del reddito professionale e del volume di affari e devono essere corrisposti entro il 31 dicembre dell'anno di presentazione della dichiarazione dei redditi (ad esempio: il conguaglio 2016 dovrà essere versato entro il 31 dicembre 2017).

Il ritardo nel pagamento dei contributi dovuti rispetto alle scadenze comporta l'applicazione delle sanzioni di cui all’art. 10 del Regolamento Generale Previdenza 2012 .